4 del Brescia nella Top 11 di TMW

La classifica dei migliori giovani della B
27.12.2016 04:38 di TuttoBrescia.it Redazione Twitter:    Vedi letture
Fonte: Tuttomercatoweb
Arturo Calabresi
Arturo Calabresi

Ci sono 4 rondinelle nella Top 11 di TMW , vediamo quali :

Il campionato degli italiani, il serbatoio del nostro calcio, il torneo dei giovani. Tanti appellativi per la Serie B, che ogni anno sforna diversi talenti per il futuro del pallone italiano. Ma quali i più promettenti? Abbiamo provato a stilare una top 11, ruolo per ruolo, dei migliori calciatori. Augurando a ognuno di poterlo diventare con la C maiuscola. E abbiamo scelto anche un allenatore. Il modulo è un 4-3-3, con qualche comprensibile deroga rispetto alle posizioni ideale per ciascuno dei giocatori interessati. Per quanto riguarda il criterio anagrafico, bisogna essere nati dal 1 gennaio 1994 in poi. Portiere - Alex Meret: di poco, ma il portiere scuola Udinese, oggi in prestito alla SPAL, vince la palma di estremo difensore più promettente del campionato cadetto. Classe '97, si è tolto dall'ombra di Simone Scuffet e ora è lui a fare ombra al collega. La Juve pare averlo investito della carica di erede di Buffon, il futuro è tutto nelle sue mani. Menzione d'obbligo per Alessio Cragno, classe '94 del Benevento. Terzino destro - Lorenzo Dickmann: qui la scelta è per certi versi più facile. La cPerché sulle fasce, come vedremo anche sull'outopposto, la scuola italiana fatica a proporre alternative valide. Potrebbe esserlo il classe '96 del Novara, milanese di nascita ma prodotto del settore giovanile dei Gaudenziani: capace di disimpegnarsi anche più in alto sulla fascia destra, ha discreto fisico e buona spinta. Ci pensano Bologna e Sampdoria. Difensore centrale - Martin Valjent: classe '95, slovacco, arrivato alla Ternana nel 2013 come promettente centrocampista centrale, si è evoluto con il tempo diventando un difensore. Il fisico possente (186 cm) lo aiuta, i piedi sono buoni e possono tornare utili in fase di impostazione. Non avrà le stimmate del predestinato, ma potrà fare tanta strada. Difensore centrale - Arturo Calabresi: scuola Roma come Romagnoli, che però gioca nel Milan. Classe '96, rispetto al collega e compagno di giovanili sta facendo tutta la gavetta. Potrà tornare utile in futuro. In prestito al Brescia, l'allegra combriccola di Brocchi che come vedremo a questo undici regala diverse promesse. Terzino sinistro - Cheick Keita: uno dei più promettenti e interessanti dell'intera top 11. Classe '96, maliano, in forza alla Virtus Entella. In estate è stato al centro di diverse voci di mercato, alla fine è rimasto a Chiavari. Potrebbe essergli pesato a livello psicologico, perché l'inizio di stagione non è stato dei migliori. Col tempo sta recuperando spazio nelle gerarchie di Breda, le doti sia fisiche che tecniche non gli mancano. Centrocampista centrale- Pierre Desiré Zebli: qui andiamo, più o meno, sul sicuro. Classe '97, ivoriano ma con passaporto italiano, porta muscoli nel centrocampo di Bucchi. L'anno scorso è stato l'anno di Franck Kessié, suo connazionale che ora fa la differenza in Serie A. Zebli ha fisico (180 cm) e qualità, può fare il mediano o l'interno. Portato in Italia dall'Inter, può scalare le gerarchie del nostro calcio. Centrocampista centrale - Leonardo Morosini: lo mettiamo qui perché nelle top 11 i ruoli sono sempre aleatori. Però il ragazzo del Brescia è un trequartista e anche il più interessante della sua generazione. Classe '95, è un numero 10: puro e semplice, come non se ne vedevano da tempo. Un po' più avanti, un po' più indietro? No, lì tra le linee, per dare il meglio. L'Italia degli ultimi anni sembra allergica al trequartista e questo è l'unico vero dubbio. Se ci si saprà fidare del talento di questo ragazzo, però, potremo vedere qualcosa di meraviglioso. Postilla sul mercato: a un passo dal Genoa, ma Inter e Juventus lo monitorano e lo monitoreranno. Visto che siamo dalle parti di Brescia, menzione d'obbligo per Dimitri Bisoli. Centrocampista centrale - Francesco Cassata: nasce anche lui a ridosso delle linee e a volte Aglietti lo impiega come trequartista o esterno d'attacco. Però è un centrocampista moderno a tutto tondo. Classe '97, prodotto del vivaio della Juventus che lo ha mandato in prestito all'Ascoli a farsi le ossa, ha fisico e piedi fantastici. Può fare qualsiasi ruolo in mediana, quando lo si vede giocare dà sempre l'occasione di avere qualcosa in più, qualcosa di diverso rispetto a tutti gli altri 21 ragazzi in calzoncini che inseguono un pallone. Attaccante esterno - Riccardo Orsolini: il Milan ne è già estasiato e pare pronto a tingerlo di rossonero. Anche lui in forza all'Ascoli, che ha in rosa alcuni dei più interessanti giovani del panorama nazionale, è un classe '97. Nato ad Ascoli Piceno, prodotto del settore giovanile del Picchio; mancino di piede, scattante nel breve ma con un buon allungo. Ha tanta tecnica e preferisce giocare sul lato destro per accentrarsi e fare male. Attaccante centrale - Andrea Favilli: restiamo ad Ascoli. L'anno scorso ha fatto impazzire l'Italia al Torneo di Viareggio, con la maglia della Juventus. Era però in prestito dal Livorno e i bianconeri di Piemonte non hanno fatto tutto il necessario per trattenerlo. Quelli delle Marche lo hanno preso in prestito con diritto di riscatto: classe '97, 190 centimetri d'altezza, è quello che si definisce un centravanti moderno. Ha tanto, tantissimo fisico, ma anche piedi buoni e soprattutto quella cattiveria che per fare questo mestiere è necessaria. Batte al fotofinish Alberto Cerri della SPAL. E Petkovic del Trapani: l'anno scorso sembrava Ibrahimovic. Attaccante esterno - Federico Bonazzoli:chiudiamo l'attacco con un altro classe '97. Come Favilli, pure lui ha già assaporato il sapore della maglia di una big. Cresciuto nell'Inter, nel 2015 si è trasferito alla Sampdoria, pare con la regia della Juventus. L'anno scorso ha giocato sei mesi a Lanciano, cercando di emergere dal disastro collettivo degli abruzzesi. Prima punta di ruolo, può giocare anche come seconda punta. A Brescia (sempre in prestito dai liguri) si trova in uno dei laboratori di giovani più interessanti della Serie B. Allenatore - Leonardo Semplici: la sua SPAL l'abbiamo incensata in più occasioni. Gioca il calcio migliore della serie cadetta, sa tirare fuori il meglio da giovani e meno giovani. Alla guida di una neopromossa non era così scontato fare bene. Menzione d'onore per Cristian Bucchi: l'anno scorso ha fatto un mezzo miracolo a Macerata, ora a Perugia può togliersi diverse soddisfazioni.

ASCOLTA TMWRADIO.com - TUTTOMERCATOWEB DA ASCOLTARE

ARTICOLI CORRELATI

Cagliari, L'Unione Sarda: "Il Taxi riparte, si ferma Farias"
Un talento al giorno, Jow Worall: il classico terzinaccio all'inglese


Segnala violazione
Stampa la notizia
Invia ad un amico
Accesso mobile

 

ALTRE NOTIZIE SERIE B

 27.12 04:30  Le partite di oggi: il programma di martedì 27 dicembre
 26.12 20:30  FOCUS Il calcio che sarà: la top 11 dei giovani di Serie B
 26.12 19:04  Serie B: Abodi, vincente giocare il 24
 26.12 16:30  Giuseppe Corrado, ecco chi è il nuovo Magico patron del Pisa
 26.12 16:00  Serie B, la Lega sottolinea: "Che successo la giornata di Natale"
 26.12 15:30  Avellino, l'Austria Vienna interessata a Mokulu
 26.12 15:00  Cambia che ti passa.. oppure no? La Serie B e gli esoneri
 26.12 12:56  ESCLUSIVA V.Entella, l'agente di Cutolo: "Ci guardiamo intorno"
 26.12 04:30  Le partite di oggi: il programma di lunedì 26 dicembre
 25.12 22:30  Verona, Zaccagni: "Abbiamo giocato una buonissima gara"
 25.12 22:00  Perugia, Belmonte: "Pareggio sofferto. Siamo più forti delle assenze"
 25.12 21:00  Latina, Vivarini: "Risultato che ci sta stretto"
 25.12 20:07  La Lega di B: "Giocare a Natale è stato un successo"
 25.12 19:00  FOCUS Classifiche a confronto: l'Ascoli fa +4, il Trapani -14
 25.12 19:00  Novara, il ds Teti: "Dispiaciuti del risultato. Macheda ci darà un contributo prezioso"
 25.12 17:00  Novara, Boscaglia: "Dispiaciuti per non aver fatto un bel regalo ai nostri tifosi"
 25.12 15:00  Ascoli, Perez: "Punto importante, sarebbe stato un peccato perdere"
 25.12 13:00  Entella, Breda: "Ritrovate certezze, sarà un Natale sereno"
 25.12 12:52  Avellino, offerta dell'Austria Vienna per Mokulu
 25.12 12:10  Serie B, la classifica marcatori. A Pazzini si avvicina solo Caputo
 25.12 12:00  Cittadella, Venturato: "Più giusto un pareggio. Siamo mancati in fase finalizzativa"
 25.12 11:37  Avellino: in entrata si valutano Gucher, Di Tacchio e Pecorini
 25.12 11:32  Serie B, la top 11 di TMW
 25.12 11:21  Benevento, conferme sull’interesse per Parigini
 25.12 11:10  Il punto sulla B - Regali di Natale e cenoni indigesti
 25.12 11:00  Salernitana, Bollini recrimina: "Pesano certe decisioni arbitrali. E non è la prima volta..."
 25.12 10:00  Pro Vercelli, Longo rammaricato: "Penalizzati dagli episodi, ma niente alibi. Ora ripartiamo"
 25.12 09:32  VIDEO - Perugia-Latina 1-1, la sintesi della partita
 25.12 09:25  VIDEO - Frosinone-Benevento 3-2, decide Dionisi: la sintesi della gara
 25.12 09:21  VIDEO - Cesena-Trapani 3-1, la sintesi della gara
 25.12 09:18  VIDEO - Carpi-Hellas 1-1, Pazzini risponde a Lasagna: la sintesi del match
 25.12 09:15  Carpi, Castori: "Prestazione maiuscola della squadra, non abbiamo concesso quasi nulla al Verona"
 25.12 09:12  VIDEO - Brescia-Pro Vercelli 2-1, la sintesi della partita
 25.12 09:10  VIDEO - Avellino-Salernitana 3-2, la sintesi del derby campano
 25.12 09:05  VIDEO - Ascoli-Bari 1-1, la sintesi del match