Corini: "Ripartiamo da Balo-Torregrossa. Parma? Squadra di valore, ma..."

21.12.2019 15:07 di Redazione TuttoBrescia.it   Vedi letture
Fonte: itasportpress.it
Corini: "Ripartiamo da Balo-Torregrossa. Parma? Squadra di valore, ma..."

Così Eugenio Corini, allenatore del Brescia, alla vigilia del match di Parma: "A parte Dessena, Ndoj ha avuto un piccolo risentimento con il Sassuolo e gli esami hanno certificato un problema al flessore, dunque non ci sarà. Matri oggi si allenerà nonostante un problema influenzale, decideremo poi se convocarlo. Abbiamo pensato ad un cambio di sistema, a centrocampo siamo un po’ corti. Sulla difesa anche oggi voglio valutare se dare continuità a chi ha giocato col Sassuolo. L’idea è di ripartire dalla coppia di attaccanti che ha giocato l’ultima volta“. “Balotelli-Torregrossa quindi? L’idea è quella. Dobbiamo comunque valutarne le condizioni fisiche e poi decideremo. Non dimentico anche Donnarumma”.

RIPARTIRE – “Perdere contro il Sassuolo? Avevo chiesto alla squadra prima della gara di non avere rimpianti sull’atteggiamento e l’attenzione su ogni particolare. E sotto questo aspetto devo dire che la squadra c’era: è stata presente e attenta. Abbiamo sbagliato qualcosa tecnicamente e il gol del raddoppio era evitabile. Penso che perdere sia stata un’ingiustizia. Dobbiamo trasformare tutto in energia positiva”.

AVVERSARIO – E sul Parma: “Il Parma è una squadra di valore, faccio i complimenti a D’Aversa. Sono in un ottimo stato di forma, dobbiamo trovare le energie per fare un’ottima gara. Sappiamo il loro valore. Si tratta di una squadra solida. Riesce a contrattaccare con velocità e qualità. Sul campo aperto riesce ad essere pericolosa, gli ultimi cinque minuti con il Napoli hanno avuto due occasioni, poi hanno segnato il due a uno. Sappiamo di affrontare una squadra che ha esperienza. Loro hanno avuto una settimana per recuperare, noi quattro giorni, ma per me sono sufficienti”.

SALVEZZA – “Dobbiamo recuperare e ogni partita è una possibilità di fare punti. Per me sono state fondamentali le due vittorie che abbiamo fatto, perché ci hanno permesso di rientrare nella lotta e di essere in vantaggio in un eventuale scontro diretto. Dobbiamo fare punti e se non ci riusciremo dovremo avere la forza di farli la partita dopo. Dobbiamo crederci e questo vuol dire che quello che sembra impossibile deve diventare possibile”.