Corini: "A Genova eravamo vicini a vincere. Inter? Sarà arrabbiata..."

28.10.2019 12:16 di Redazione TuttoBrescia.it   Vedi letture
Corini: "A Genova eravamo vicini a vincere. Inter? Sarà arrabbiata..."

È intervenuto in conferenza stampa alla vigilia di Brescia-Inter l'allenatore delle Rondinelle Eugenio Corini: "Siamo tornati a tarda notte, ci siamo allenati ma con pochi giocatori a disposizione. Oggi pomeriggio avremo l'allenamento in preparazione di domani e affronteremo un avversario davvero forte. Riguardando la sconfitta di Genoa ho notato la squadra in controllo, creando presupposti per essere pericolosi. Abbiamo sofferto su Kouamé, ma anche dopo il pareggio la squadra è rimasta in partita. Sul secondo gol bisognava reagire in modo diverso, poi il 3-1 ha indirizzato la partita: resta un grande rammarico, avevamo creato - ripeto - i presupposti per vincere, ma anche questo fa parte del percorso di crescita che stiamo facendo". 

Sulla coppia d'attacco e Chancellor: "Balotelli e Donnarumma per me possono giocare assieme, a prescindere dalle caratteristiche devo valutare se privilegiare alcuni aspetti piuttosto che altri. Cercherò come faccio sempre di usare il giocatori nel modo migliore, poi ognuno fa le sue idee. Balotelli deve contestualizzarsi al nostro modo di vedere il calcio, noi coinvolgiamo tanto le punte e dev'essere uno stimolo per lui. Con me le punte hanno sempre segnato tanto, quindi mi aspetto miglioramenti. Il difensore Chancellor ha accusato uno stiramento al flessore per cui è difficile vederlo prima della sosta".

Sulle difficoltà di questo momento: "Con Fiorentina e Genoa abbiamo creato meno rispetto a prima, è mancato qualcosa. Può succedere però che vi siano prestazioni differenti di volta in volta. Leggere le sconfitte è un percorso fondamentale, fa male anche a me ma serve equilibrio nelle valutazioni. In questo campionato si lotta per non retrocedere, bisogna dire che abbiamo sfidato Juventus, Napoli e anche Fiorentina, andando vicini a vincere a Genova. E abbiamo da recuperare il match col Sassuolo. Io mi concentro sul mio lavoro e mi sento in controllo, ciò che proviene dall'esterno non mi interessa".

Sull'Inter: "Mi aspetto una squadra arrabbiata che vuole riprendersi i punti persi, ma anche noi siamo arrabbiati. Metterò in campo la squadra più adeguata per cercare di portare a casa un risultato positivo. Dispiace non avere tutta la rosa a disposizione, è una difficoltà che al momento dobbiamo superare".

Sulla classifica: "Falsata, abbiamo una partita da recuperare. Capisco gli umori, faccio calcio da una vita, ma sono sempre equilibrato finché non si raggiunge l'obiettivo. Dò e diamo il massimo, capisco che il tifoso viva per il risultato".