L'estate rovente di Torregrossa: quale futuro per l'attaccante siciliano?

Tanti nomi sono stati fatti per l'attacco del Brescia, così da escludere l'impiego da titolare di colui che ha partecipato attivamente alla promozione in A
30.06.2019 13:25 di Redazione TuttoBrescia.it   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
L'estate rovente di Torregrossa: quale futuro per l'attaccante siciliano?

Il mercato comincerà ufficialmente domani, lunedì 1° luglio, ma nel frattempo se ne sono sentite di tutti i colori. Al Brescia sono stati accostati una miriade di giocatori, soprattutto attaccanti, perché per la Serie A il presidente Massimo Cellino vuole regalare un grande colpo, così da non essere solo comparse ma sorprese, per giungere alla salvezza nella maniera più agevole possibile: dal sogno Mario Balotelli (non ancora del tutto tramontato) a Paloschi, passando per Cerri, Cutrone, Maxi Lopez, Destro, Sau, Matri e anche i giovani Bonazzoli e Scamacca. E non li abbiamo elencati tutti. 

CASO TORREGROSSA - Al tempo stesso si cercherà di dare fiducia alla formazione che ha stravinto lo scorso campionato di Serie B: Alfredo Donnarumma alla fine dovrebbe restare, perché il rapporto fra Cellino e il suo agente Giuffredi sarebbe in via di risanamento, ma se sarà affiancato da una delle punte sopraccitate, quale sarà il futuro di Ernesto Torregrossa? Lui che, insieme all'ex Salernitana ed Empoli, ha contribuito a attivamente alla super promozione della stagione 2018-2019 con 12 gol e 11 assist in 29 partite. Ha trovato la consacrazione, diventando attaccante completo: veloce, tecnico, preciso, forte fisicamente. 

IL SUO FUTURO - Per questo le altre squadre stanno monitorando la situazione. A 27 anni per lui arriva il treno della Serie A, probabilmente l'ultimo, e per questo accetterebbe anche un ruolo da subentrante. L'attaccante siciliano, però, potrebbe anche cambiare idea, essendo particolarmente ambito fra altre formazioni della massima serie e soprattutto big della Serie B. Oltre a quelle che hanno ricevuto il "paracadute" per la retrocessione, pronte a tornare subito in alto, ci sono su di lui società che puntano ad un campionato da protagonista e che hanno buone disponibilità economiche, come ad esempio la Cremonese. Di certo le Rondinelle, da una sua cessione, potrebbero accumulare un bel gruzzoletto.