Il Brescia di Cagni funziona e fa punti. Bene così.

01.05.2017 07:14 di TuttoBrescia.it Redazione Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
Il Brescia di Cagni funziona e fa punti. Bene così.

Alcuni benpensanti ( molti ?) storcevano il naso alla scelta di Cagni quale sostituto del barcollante Brocchi ma, toccando ferro, ad oggi avevano torto. Gigi Cagni con la sua concretezza bresciana non disgiunta dall'esperienza di 40 anni di B e dal sapere calcistico applicato alla realtà e non ad astruse quanto inutili metafore, sta faticosamente raccogliendo i punti necessari alla salvezza. E pazienza se non soddisfa i P alati fini, per loro ci vorrà più tempo ma la missione salvezza ha un'altra priorità. Col Novara è stato un capolavoro di semplicità calcistica: difesa coperta, gioco sulle ali , centrocampo combattivo ma propositivo e attacco...striminzito ma pungente. Fare 3 goal in trasferta non è impresa da poco ed il Brescia li ha fatti a Novara sotto gli occhi stupiti di Boscaglia che nel finale di campionato ripete tristemente storie già viste a Brescia ed a Trapani. Cagni con un po' di fortuna che è indispensabile in ogni attività  ,ha trovato l'assetto e gli uomini giusti per fare l'impresa. Ha innanzi tutto ridato fiducia ed identità  ad una squadra confusa e sfiduciata, chiedendo cose semplicie alla portata dei giocatori a disposizione, con fatica e misura ha fatto crescere l'auto stima in ciascuno, ha messo i giocatori nel loro ruolo e con compiti definiti, ha "scoperto" giocatori fondamentali come Ferrante, Camara e Crociata. Magari è stato un caso dettato dalla necessità come per Ferrante e Camara impiegati a tempo pieno per gli infortuni di Caracciolo e Bonazzoli ma sul 19enne  Crociata la scelta è tutta di Cagni, alla faccia di chi diceva che non era l'allenatore adatto ad una squadra di giovani. Ha tenuto in panca Mauri che non ha il ritmo partita e credete non è così facile di fronte ad un giocatore blasonato come l'ex laziale ma Cagni con un po' di ruvidezza è un po' di psicologia l'ha fatto. Insomma il Brescia di Cagni per ora funziona; per il bel gioco e per le poesie l'appuntamento è per la prossima stagione di B.