È iniziata l'era Cellino.

 di TuttoBrescia.it Redazione Twitter:   articolo letto 109 volte
Massimo Cellino
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Massimo Cellino

Dunque, accantonato il sogno di avere un Brescia bresciano, accingiamoci ad accogliere Massimo Cellino facendogli credito delle migliori intenzioni. Quale sia il suo progetto per il nostro Brescia c'è lo dirà lui, noi avremo la libertà di sposare questo progetto o semplicemente di stare a vedere cosa succede. È ovvio che delle due ipotesi è più augurabile la prima ma questo dipenderà dalla capacità di coinvolgimento che Cellino saprà mettere in campo e poi dai risultati. L'uomo è figlio di un grande imprenditore nel settore del commercio,trasporto e stoccaggio dei grani e come tale nella sua isola non aveva bisogno di presentazioni; qui poco ce ne cale di tutto ciò, non c'è nulla di dovuto, nessun timore reverenziale per posti di lavoro o commesse, quindi verrà accolto per come si saprà porre in una società ed in una regione tra le più evolute  d'Europa. Cellino è un piacevole ed arguto conversatore, un amante della musica ( suona la chitarra elettrica) e uno che pratica la bella vita ad ogni latitudine. Qui troverà gente disincantata, un filino scettica , in cui dovrà far scattare l'entusiasmo.Speriamo abbia la voglia e la capacità di farlo. Se si presenterà come "Il padrone delle ferriere " avrà vita dura e breve. Se invece si calerà nella realtà che lo circonda, condividendone i principi e gli stili di vita, allora avrà delle chances di successo. Bisogna vedere se saprà ed avrà voglia di farlo. Brescia non è Miami, Londra o Milano e Cellino dovrà amarla se vorrà essere accettato. Diversamente sarà percepito come un affarista di passaggio. Ciò detto, benvenuto Massimo Cellino; forza, ci faccia vedere di che pasta è fatto e se sarà buona come ci auguriamo , ci avrà lealmente al suo fianco.