Milan, Pioli: "La classifica è ancora appesa a Milanello"

23.01.2020 21:52 di Redazione TuttoBrescia.it   Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Milan, Pioli: "La classifica è ancora appesa a Milanello"

Dai colleghi di TMW ecco la conferenza del tecnico Stefano Pioli in vista di Brescia-Milan, anticipo di Serie A.

Vincere in trasferta attitudine per il Milan? "Se i numeri dicono questo, i numeri non mentono. Le gare esterne sono state positive per noi, dobbiamo provare a farlo ancora. Non abbiamo fatto ancora nulla, c'è ancora tanta strada da fare".

L'assenza di Balotelli pesa? "Senza Mario il Brescia perdere delle giocate individuali importanti, ma troverà ancora più compattezza e dinamismo, vorrà fare una partita aggressiva che gioca bene al calcio. Dobbiamo essere ancora noi determinati".

A Brescia è il primo bivio? "Ogni partita mi chiedete del bivio o della gara della svolta, per noi tutte sono importanti. Solo così possiamo svoltare la stagione. La classifica? Non è il momento di pensare dove saremo il 24 maggio, ma tenere la testa sul manubrio, lavorare e spingere. Rafforzare le cose positive che abbiamo fatto fin qui".

Le parole di Castillejo? "Deve essere uno stimolo per noi, abbiamo attraversato momenti difficili, e questi momenti sono serviti per crescere".

Tonali? "Giocatore con grandi qualità e prospettive". 

Sesto posto o quarto posto? "La classifica è appesa a Milanello, sarà appesa fino al 24 maggio".

Cos'è l'effetto Ibra? "Un valore aggiunto, l'atteggiamento e la professionalità che Ibra mette in campo e in allenamento tutti i giorni. Parliamo di un campione, di un giocatore che è tra i migliori al mondo, mi aspettavo tanto da Ibra e ho trovato una persona molto disponibile. E' entrato con intelligenza e curiosità, ora è consapevole di quello che deve fare". 

Il nuovo modulo porta più consapevolezza? "L'importante è che le vittorie siano arrivate tramite buone prestazioni. Se vogliamo migliorare la classifica dobbiamo ancora crescere. C'è bisogno di fare risultati e avere una testa positiva".

Rebic titolare? "Se la può giocare, ho tante possibilità in questo momento"

Paquetà nostalgico? "Al mercato mancano ancora 9 giorni, siamo stati bravi a rimanere concentrati fino a oggi e bisogna continuare così. Chi è qui deve essere molto attento e pure Lucas lo ha fatto. E' normale che chi non gioca non sia soddisfatto".

Cos'è successo a Rebic? "Dipende tutto dall'atteggiamento dei giocatori, perchè se lavori con convinzione e orgoglio, poi quando vieni chiamato in causa devi fare bene. Io ho fatto le mie scelte per dare maggiori garanzie alla squadra. Molte volte i cambi ti fanno vincere le partite, tutti devono dare il massimo. Vogliamo fare un girone di ritorno diverso e questo è l'atteggiamento giusto".

Paquetà dove deve migliorare? "Deve avere la convinzione di essere un giocatore completo, per la qualità che ha deve diventare più determinante, nella fase conclusiva o fai gol o lo fai fare. E' mancato nelle cose dove un giocatore come lui deve avere la giocata vincente".

Suso come si sta allenando? "Si sta allenando benissimo ed è disponibile per giocare".

Cosa si aspetta dal mercato? "Non sono io a dover parlare di mercato, a me interessa solo che la squadra resti concentrata. Rodriguez ha avuto un piccolo problema fisico e dovrebbe essere convocato per la partita di domani".